Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
Galápagos
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Come morire tre volte per la congettura di Goldbach
Elena Canevari, Il Segnalibro, 01.09.2005
www.ilsegnalibro.it
“Dimostrare la congettura di Goldbach con ogni probabilità non servirà mai a niente. Ebbene, io me ne vanto. Perché è proprio questo che fa la bellezza di una simile impresa, il suo valore e la sua necessità”
Avere il destino scritto all’interno della propria data di nascita non è mai stato così vero come per Armand Duplessis: infatti nacque il 16 aprile 1964, che si può scrivere anche 16.4.64, e non solo 16x4=64, per cui è nato compiendo una moltiplicazione esatta, ma tale data è rappresentabile anche come potenze del numero 2, ovvero 24.22.26. Cosa avrebbe mai potuto fare “da grande” il nostro Armand? Ovviamente il matematico, soprattutto da quando, all’età di 16 anni (24 e non è un caso) viene a conoscenza di quello che sarà il motore della sua vita: la congettura di Goldbach. Tale congettura si enuncia semplicemente, in quanto afferma che ogni numero pari maggiore di 2 è la somma di due numeri primi, ma nonostante questa apparente semplicità nessuno è mai riuscito a dimostrarla da quando Goldbach la formulò nel 1742. Ecco, quindi, quale sarà il compito di Armand Duplessis: dimostrare la congettura di Goldbach.
Brillante studente di Matematica, Armand raggiunge importanti risultati durante i suoi primi anni di carriera universitaria, ma all’età di 32 anni (25!) decide che da quel momento in poi i suoi sforzi saranno indirizzati unicamente alla dimostrazione della congettura. Ma, se all’inizio amava i numeri e da questi era amato, ora sembra scivolare inesorabilmente verso un’ossessione: tutto ciò che lo circonda, famiglia, amici, vita sociale, si allontana sempre più; l’unica cosa che non lo abbandona mai sono i numeri e la congettura, al punto tale da perseguitarlo anche di notte con incubi nei quali è sempre ad un passo dalla tanto desiderata dimostrazione senza mai riuscire ad afferrarla.
Grazie ad un linguaggio semplice e diretto ed all’amara ironia che pervade il testo, facciamo la conoscenza di questo Don Chisciotte della matematica e ci poniamo anche noi le domande che sono passate nella mente di tutti quelli che hanno conosciuto Armand Duplessis: è possibile non riuscire a capire quando è il momento di dire basta? Ma è giusto dire basta? Armand ha sprecato tutta la sua vita alla ricerca di qualcosa che non esiste oppure ha dimostrato di avere la forza ed il coraggio di continuare nonostante i numerosi fallimenti?
In un qualche modo Armand è il nostro specchio: anche noi abbiamo le nostre fissazioni e manie, il nostro mondo privato in cui rifugiarci, anche noi incontriamo delle porte chiuse eppure non ci fermiamo: prima o poi anche noi raggiungeremo il nostro momento di gloria. Ed alla fine avremo anche imparato ad incassare i commenti degli altri, che da un posto sicuro osservano la nostra battaglia quotidiana e fanno previsioni sulla vittoria finale, così come fanno i colleghi di Armand al momento della sua terza morte, ma non avranno la risposta definitiva, in fondo “Non hanno ancora esaminato le sue carte. Chissà cosa ci troveranno?”. “...un miracolo?”.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96