Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Leggi i commenti
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
Questo e altri mondi
Galßpagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Silvio Bernelli: I Ragazzi Del Mucchio e Roberto Perciballi: Come Se Nulla Fosse
Michele Giorgi, Hmp.it, 15.01.2005
www.hmp.it
Questi due libri hanno molte cose in comune: gli autori provengono entrambi dalla scena hardcore-punk italiana degli anni ottanta ed hanno militato in gruppi che quella scena hanno contribuito a creare e rendere famosa, entrambi raccontano in maniera autobiografica le vicende di musicisti impegnati a costruire qualcosa contando esclusivamente sulla propria voglia e passione, entrambi cercano di trasmettere quanto di speciale e peculiare ci fosse in quella scena ed in quel momento storico preciso, entrambi sfuggono la tronfia celebrazione di sÚ, preferendo presentare anche gli aspetti meno esaltanti (per non dire sfigati) della propria esperienza musicale e personale.
In realtÓ, tra tutte queste similitudini si pone una differenza che, proprio per l'argomento trattato, si rivela capace di rendere questi due racconti complementari ma diversi, vicini eppure in qualche modo lontani. Difatti, laddove Bernelli con i suoi Declino respira giÓ prepotentemente quella che Ŕ la filosofia hardcore e la sua attitudine pi¨ costruttiva che distruttiva, Perciballi nasce come punk, portando in sÚ i geni nichilisti e caotici di quel movimento anche nell'esperienza con i Bloody Riot. Ci troviamo perci˛ di fronte a due fasi successive della stessa storia, seppure distanziate da appena una manciata di anni.
Il romano Perciballi Ŕ un guastatore pronto a dare guerra a tutti: stato, borghesia, avversari politici, ex-amici incapaci di accettare la scena punk e la sua scorrettezza politica. Il torinese Bernelli Ŕ pi¨ costruttivo, meno iroso, probabilmente meno "outcast", pur nella sua vita ai margini della societÓ benpensante.
Quelle che sono le basi dei due romanzi si dividono non solo per differente provenienza geografica, ma anche per peculiaritÓ caratteriali e ambientali dei due autori. Ci˛ che, invece, accomuna e unisce Ŕ la voglia di esprimersi con la musica, una musica alla portata di tutti eppure per pochi, una musica che chiunque potrebbe suonare, ma che solo alcuni sono riusciti a rendere unica ed irripetibile.
SembrerÓ strano, eppure quell'esperienza seppe davvero dare una scossa al mondo musicale e si ramific˛ ben pi¨ di quanto fosse lecito aspettarsi. Non Ŕ un caso se molte delle band che in quel periodo seppero farsi onore in Italia e nel Mondo sono ancora presenti nei ricordi e nelle influenze di famosi musicisti internazionali, ben oltre i confini di genere o scena come si potrebbe erroneamente pensare.
Leggere questi libri permette di rivivere e comprendere in parte il perchÚ della magia di queste storie, una magia che risiede nell'assoluta normalitÓ dei protagonisti, nella totale assenza del grosso gancio o dell'aiuto dall'alto, nella supremazia della voglia di fare e del "do it yourself", nella personalitÓ profusa nel rielaborare e far proprie le influenze provenienti dall'estero. Oggi, in relazione alle band emergenti ed alla loro possibilitÓ di diventare famose, siamo abituati a pensare in termini di apparizione su questa o quella rivista, di possibilitÓ di aprire per questo o per quell'altro big name di turno, di capacitÓ di approdare a questa o quella grossa label straniera. Declino e Bloody Riot non ebbero nessuna di queste possibilitÓ: finirono su moltissime fanzine fotocopiate e fatte in casa con l'uso di forbici, colla ed al massimo una macchina da scrivere, suonarono insieme a gruppi di amici, pagandosi e organizzandosi da soli tour italiani ed uscite europee. Si autoprodussero da soli dischi e cassette, riuscendo al massimo a beccarsi un contratto con qualche intraprendente label indipendente italiana, piena di buona volontÓ ma dagli esigui mezzi.
Eppure i loro nomi sono entrati nella leggenda e riescono a fare ancora correre un brivido lunga la schiena di chiunque entri in contatto con la loro musica. Sarebbe un peccato perdere questa occasione di conoscerli e provare a capirli.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietÓ dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galßpagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdý di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore Ŕ un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96