Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Leggi i commenti
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galįpagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Don Luisito, che lavorava per gli ultimi
Remo Bassini, Il Fatto Quotidiano, 07.01.2012
Prete "eretico", scrittore di successo, è morto giovedì vicino Milano a 84 anni. Era stato operaio,
benzinaio, insegnante. "In fabbrica c`è terreno fertile.

«Quando Gesù si è fatto uccidere in croce non l'ha fatto in cambio di uno stipendio» diceva spesso, con voce flebile ma ferma, don Luisito Bianchi, cappellano di Viboldone, prete scomodo, scrittore, morto giovedì scorso a Melegnano (Milano).
Aveva 84 anni. Era un prete che predicava bene - la gratuità come essenza del vivere cristiano - e razzolava bene, tant'è che ha sempre rifiutato lo stipendio "da prete". La Chiesa istituzione lo ha sopportato: con una smorfia di disprezzo, ignorandolo. Non c'erano mai preti, o se c'erano, erano preti isolati come lui, quando presentava i suoi libri. Quando diceva «se fossi Papa brucerei il Vaticano, affinché rifulga la luce di Cristo. E donerei ai poveri, a chi soffre, agli zingari, ai perseguitati», la Chiesa istituzione faceva finta di niente.

Ordinato sacerdote nel 1950, negli anni Sessanta, dopo un'esperienza romana alla Pastorale del lavoro, si domanda: "Cosa ho imparato? Io, veramente, che so del lavoro?". A trent'anni decide così di andare a lavorare in fabbrica, alla Montecatini di Spinetta mite e timido, rifuggiva telecamere e notorietà. La sua vita da prete l'ha vissuta ascoltando gli insegnamenti del Vangelo.

Marengo (Alessandria), esperienza che racconterà in alcuni suoi libri e che lo segnerà per sempre: rifiuterà infatti l'etichetta di prete operaio. In fabbrica, spiegherà don Luisito, un prete non serve, perché le virtù teologali, Fede, Speranza e Carità, sono già parte del lavoro duro, da operaio. Se un intellettuale si sente a corto di argomenti, dirà anche, vada in fabbrica: lì, il terreno è fertile.

Nel 2003, don Luisito diventa noto nell'ambiente editoriale. La piccola casa editrice Sironi pubblica La messa dell'uomo disarmato ed è subito un successo: di vendite e critiche. Tanti gridano al capolavoro. Un libro sulla resistenza, ma anche sulla gratuità: dei partigiani che morirono per un'idea, per la libertà, solo per quella. I proventi del libro, comunque, don Luisito li dona ai missionari: a lui, che vive tra Vescovato, suo paese natale, e Viboldone, dove è cappellano, bastano 600 curo di pensione, frutto dei contributi versati come operaio, inserviente, benzinaio, insegnante. Era un mite, ma insieme all'amore per il prossimo insegnava la ribellione.
"Uno schiavo ai tempi di Gesù - ha scritto don Luisito - veniva colpito al volto dal suo padrone con il dorso della mano, perché quest'ultimo non avesse a sporcarsi le mani. La guancia colpita era dunque la guancia destra. Porgere l'altra guancia, cioè la sinistra, a quel tempo significava costringere il padrone a colpire col palmo della mano e, quindi, a sporcarsi le mani, cosa che un padrone non avrebbe mai fatto. Quindi il voltare il viso dall'altra parte per porgere la guancia opposta era un modo per impedire al padrone di colpire ancora, era un modo per interrompere il sistema, per costringere il potente a fermarsi". Sussurrava, ma aveva una grande voce, don Luisito Bianchi...

Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietą dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galįpagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdģ di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore č un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96