Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
Questo e altri mondi
Galįpagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Un atto d'amore (postumo) dedicato alla madre
M. Mel, Corriere del Veneto, 19.06.2009

Non è un libro facile, difficile la lettura. 
Eppure il romanzo d'esordio di Patrizia Patelli, origini torinesi un presente a Verona e un diploma in tecniche di narrazione alla Holden, immobilizza il lettore e quasi lo costringe ad una riflessione sulla cognizione del dolore, tema totale che prima o poi si è tutti costretti ad affrontare. Gli ultimi occhi di mia madre (Sironi, 149 pagine, 15 euro) è soprattutto un romanzo sul rapporto fra figlia e madre, nel momento in cui quest'ultima è fagocitata dalla malattia e come in un mosaico della vita, la figlia tenta di riannodarne le tessere, nel disperato tentativo di non lasciare nulla al non detto e al non vissuto. Modulato con un registro narrativo introspettivo su una quotidianità lunga un'esistenza, il romanzo è il diario sofferto di due donne, una ostaggio della malattia, l'altra del ricordo. «Abbiamo colpe. Saremo assolti nel perdono - scrive l'autrice - ci deve essere lucidità nel dolore, non spavento. Abbiamo delegato, delegato troppo. Mia madre sarebbe stata più coraggiosa». La casa, la famiglia, l'ospedale, i medici e il freddo protocollo di una diagnosi senza speranza, i luoghi dell'infanzia e quelli della maturità, un padre immobilizzato dall'evoluzione del male e un rapporto figlia-madre mai largo, sempre troppo stretto. E violento. 
Racconta la Patelli i lati oscuri di una vita: «Mi trascinavi alla grata della ringhiera, non andavi mai fino in fondo, ma io l'ho sempre creduto possibile. Ed è stato tutto così maledettamente possibile. Poi passava, ti acquietavi, ti pentivi e non ti perdonavi. Ti sedevi sconfitta e pretendevi che io ti dicessi "ti voglio bene". Io obbedivo perché mi facevi pena. Chiedevi amore e non sapevi come». La risposta l'ha trovata la figlia, con questo romanzo: un atto d'amore. Per la madre. 

Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietą dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galįpagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdģ di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore č un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96