Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Il mondo della medicina
Cosimo Argentina, Conquiste del lavoro, 24.05.2008
I racconti di Renzo Tomatis, scienziato di fama internazionale, scomparso lo scorso anno

Qual è la differenza tra un intellettuale che fa letteratura e un narratore?
L’intellettuale conosce la materia letteraria e la manipola, scompone e ricompone sfruttando la familiarità con figure retoriche, parafrasi e analisi del linguaggio. Il narratore racconta storie. Il narratore di solito fa un altro mestiere perché questo lo aiuta ad essere lontatno e dentro le cose al tempo stesso. Il narratore utilizza come strumenti della sua scrittura ciò che la vita “altra” gli offre quotidianamente. Renzo Tomatis ( 1929-2007) è stato uno scienziato di fama internazionale, direttore dell’Agenzia per la ricerca del cancro dell’Organizzazione mondiale della Sanità e presidente del Comitato scientifico Medici per l’Ambiente. Insomma un medico e un ricercatore, in primo luogo, ma anche un narratore vero. La raccolta di racconti L’ombra del dubbio è preceduta da un intervento di Claudio Magris e da un’intervista con l’autore da poco scomparso. Segue una testimonianza del professor Paolo Vineis, esperto di biomedicine e autore di libri egli stesso.


La medicina e la scienza hanno prestato da sempre molti cervelli alla letteratura.
Mi vengono in mente Asimov, Clarke e Louis Ferdinand Cèline, tra i tantissimi.
Nel caso di Tomatis ci troviamo di fronte a un narratore puro, un autore che, in questo libro, delinea quattro storie utilizzando alcuni comuni denominatori che lui conosce alla perfezione.
Il primo tema ricorrente è quello dell’emigrazione. Tutti i personaggi abbandonano l’Europa e finiscono per lavorare negli Stati Uniti. Non si tratta di lavoratori generici o manovali, ma ricercatori e scienziati che però vivono il disagio e l’estraniazione al pari di chi è giunto oltreoceano con la valigia di cartone e le mani sporche di malta bastarda.
Secondo comune denominatore: il mondo della ricerca. Arrivismo, corruzione, e deontologia svenduta al miglior offerente rappresentano il fosco quadro nel quale si muovono i vari assistenti, “aiuto” o comprimari in ascesa che devono navigare a vista in un mondo intorno a cui gravitano interessi di portata impressionante; con compagnie di produzione di tabacco e vernici che sono disposte a tutto pur di salvaguardare il valore del loro capitale a dispetto della salute di migliaia e migliaia di lavoratori o comuni  individui e con interessi politici da cupola mafiosa.


Terzo elemento comune: il narratore non è mai dentro la storia ma la vive ai margini.
È sempre un conoscente la pedina principale della scena. Il narratore, alla Carver, osserva e riferisce. Ci sono vedove, colleghi emarginati, isolati misantropi  folgorati sulla via della medicina, integerrimi fatti a pezzi da sciacalli in camice bianco: tutti personaggi che la voce narrante incontra, frequenta e ricorda  attraverso un racconto pulito ed essenziale, ma che risulta puntuale e avvincente anche nelle pagine che indulgono forse un po’ troppo sulle sfumature tecnico-mediche.


Alla base  della letteratura di Tomatis resta un pessimismo selettivo imbrattato da un mondo che ha conosciuto fin troppo bene e che lui ha spesso sentito come crudele, così come lo sono i cacciatori nei riguardi del lupo di una poesia di De Vigny citata nell’ultimo racconto della raccolta.


Ma lo sguardo del narratore resta lucido, vigile e neanche del tutto immune al compromesso che regna nel mondo che ha deciso di testimoniare.

Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietŕ dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdě di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore č un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96