Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Paradossi di San Valentino
Armando Massarenti, Il Sole 24 ore, 11.02.2007
Cara – dice Lui – non hai l’impressione che non comunichiamo?». «Ma certo che comunichiamo! Possiamo non parlarne?». Un dialoghetto paradossale come questo non è meno reale perché appare in film di Woody Allen (Melinda & Melinda). È parte della normale «pragmatica della comunicazione umana», e i paradossi aumentano proprio quando il dialogo è di tipo amoroso. Ricordate i Nodi dello psichiatra Ronald Laing? Esempio: «Mi ami?» «Sì» «Davvero?» «Sì. Davvero» «Davvero davvero?» e via indefinitamente. Paul Watzlawick ci ricorda, nel suo geniale manuale rovesciato Istruzioni per renderci infelici, che una buona regola consiste nell’esasperare il dialogo ispirandosi al principio che «se qualcuno mi ama deve avere qualcosa che non va». Il che significa che la condizione necessaria per amare qualcuno è amare innanzitutto se stessi.
Ci sono però anche paradossi più leggeri, anche se non meno istruttivi sulle psicologie femminile e maschile. Sono quelli che troviamo raccolti in un delizioso volumetto di Rossella Messina, Pensavopeggio. L’amore oggi, secondo lei, edito da Sironi ma costantemente aggiornato in internet. Solo qualche assaggio: Lei: «Mi ami?». Lui: «Oppure?», una variante ancor più ironica del Laing ricordato sopra. E in tema di comunicazione: Lei: «Mi prometti che ci diremo sempre tutto?». Lui: «Cioè che parleremo in continuazione?». C’è poi un ultimatum che si confuta da sé: «…e alla fine gli ho detto: “se continui a tacere è finita”». L’amica: «E lui?». «Era troppo sconvolto per parlare…». E un invito allo scetticismo: Lei: «Credo che potrei innamorarmi di te». Lui: «Perché?». Lei: «È una cosa che sento». Lui: «Tu credi a tutto quello che senti?». Uno profondo è il seguente: Un Lui: «Mi piaci, ma ho paura». Una Lei: «Ho paura, ma mi piaci». Ma per finire ecco un adattamento di un dialoghetto che era natalizio. Lui: «Che cosa vuoi per San Valentino?». Lei: «Nulla che tu possa comprare». Lui: «Perfetto!».
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96