Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Vitaliano Trevisan – Standards vol. I
Sergio Rotino, Fernandel, 01.11.2002
Chiamiamoli “cinque pezzi facili” questi racconti di Vitaliano Trevisan, oppure semplicemente “brani”. Comunque sia, ecco cinque impeccabili esercizi di stile che tendono, nella compattezza della narrativa breve, ad allontanarsi dall’impegnativa struttura de I quindicimila passi, romanzo pubblicato all’inizio di quest’anno, per spingersi oltre. Chiamiamoli così, quindi, anche se il modello a cui l’autore fa riferimento è un altro, alto, molto alto. Eppure, più che davanti a degli standard jazzistici, e fatto salvo il riconoscimento di una tradizione musicale qui rappresentata dal pianismo neoclassico di Keith Jarrett (sua la versione di When I fall in love proposta come riferimento per When I fall, il racconto d’apertura), sembra avere a che fare con certe combinazioni sonore di Jim O’Rourke, oppure con la classica costruzione della forma canzone (travolta da una cascata di feedback) proposta dai fratelli Reid, in arte Jesus and the Mary Chain. Di questo, a mio avviso, si tratta. Cioè della capacità messa in campo da Trevisan di alterare una narrazione piana, inoculandovi quella continua distorsione del senso che proviene da tutto un patrimonio di effetti nella costruzione del testo cari a molti maestri della letteratura. Maestri fondamentali, che rispondo ai nomi di Beckett e Berhard, con le cui forme narrative l’autore vicentino si confronta da sempre. Qui probabilmente sta il nocciolo di tutta l’operazione: prendere un musicista, tre narratori e un filosofo per reinventarne i contenuti di altrettanti brani. Quindi non delle cover, come si usa nel rock, ma proprio degli standard, come appunto si usa nel jazz. Differenza di poco conto, non è questo che affascina, bensì l’accorto utilizzo di “basi campionate” estratte da dove non ci si aspetterebbe. Basta leggere A Xmas carol, racconto che trae spunto dal Cantico di Natale di Charles Dickens.Gli echi potenti del fantasma di Calvino e, prima di tutto, dell’anima di Barbablù ci vengono a fare compagnia, a dirci quanto complesso e stratificato è il lavoro di questo autore. Altro che standard. (Sergio Rotino
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96