Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
E per hobby correre dietro a un lavoro
Giuseppe Bonura, Letture, 15.06.2006
Quando si ha urgenza di dire una cosa, l’impegno sulla scrittura passa in secondo piano. Non dico che passa del tutto, ma può capitare che l’efficacia dello stile non risalti di primo acchitto. È quello che succede con questo romanzo di Giovanni Accardo, Un anno di corsa. È una felice sorpresa. È un romanzo impegnato nel modo che spiegheremo subito, ma intanto ci preme sottolineare che sono rarissimi i romanzi impegnati sfornati di recente dalla nostra editoria maggiore, dedita soprattutto a pubblicare prodotti letterari da strapazzo, cioè operine che fanno passare il tempo e basta.
Ignoro se il romanzo sia autobiografico. Certo è che la materia è incandescente. Qui non è in causa l’amore (anche se c’è) ma il lavoro precario, dramma del nostro tempo. Il protagonista è un immigrato del Sud che vive in una città del Nord e cerca appunto lavoro. La cosa buffa è che questo immigrato divide la stanza con un leghista. Che ovviamente se ne strafrega (pardon) delle ambasce del suo dirimpettaio di letto.
Non si creda che il protagonista sia un tipo senza arte né parte. È laureato, possiede perfino una Cinquecento scassatissima (antidiluviana, si diceva una volta) e si adatta a fare un sacco di mestieri. Ma il lavoro dov’è? “Tutti correvano, quell’inverno lì, chiusi nelle tute da ginnastica, lungo i pochi metri quadrati di verde che costeggiavano i canali della città, col traffico che sfiorava i corpi, i muscoli tirati, le labbra viola, mentre il freddo grattava e grattava come un magnifico roditore... Io ero l’unico a non correre, l’unico a camminare...”. L’ironia del protagonista è pungente. E diventa ancora più pungente in seguito, dato che la disperazione economica corrode il cuore. Ma si diceva dello stile. La cosa buona è che lo stile c’è, e accompagna bene il contenuto serio e impegnato.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96