Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Il curriculum è il mio mestiere
Gian Paolo Serino, La Repubblica, 14.06.2006
La dura esperienza di un precario in provincia nel romanzo del mantovano Davide BRegola
Giovanni Costa è un ragazzo di provincia: suo padre un pensionato Enel, sua madre casalinga, il fratello camionista. Una famiglia modesta che abita nel profondo Nord e che di quella terra mantiene vizi e virtù: valori che a Giovanni Costa stanno stretti. Da giovane Don Chisciotte dei nostri giorni lotta contro i valori della mediocrità che sembrano volerlo condannare ad una vita di eterno precariato. Un’esistenza co.co.co che lo impegna in mille lavori: da venditore di libri porta a porta a scrittore debuttante. Nel frattempo il sogno di scrivere il suo “Grande romanzo della verità” in cui riversare tutte quegli interrogativi esistenziali che di questi tempi, stretti dalla morsa di una recessione economica e morale, preferiamo dimenticare. Davide Bregola, giovane scrittore mantovano, ne “La cultura enciclopedica dell’autodidatta”, consegna al lettore un romanzo che lui stesso definisce di “autofiction”: attraverso l’uso di un’ironia davvero tagliente dietro il personaggio di Giovanni Costa, in una sorta di Zibaldone, ci racconta la propria storia. Una vita, si è detto, precaria, ma molto diversa da quelli di altri autori che in questo periodo hanno dato il via ad un vero e proprio boom di libri dedicati al precariato: da “Mi chiamo Roberta, ho quarant’anni e lavoro in un call center” di Aldo Nove (Einaudi) a “Mi spezzo ma non mi impiego” (Einaudi) sino a “Vita precaria e amore eterno” di Mario Desiati (Mondadori). Il romanzo di Bregola, infatti, è più che altro la testimonianza di chi vive un precariato esistenziale in un mondo che ha trasformato la realtà in fiction (che sia televisiva o letteraria). Quella di Bregola è una provocazione che non manca di centrare le assurdità e le contraddizioni di ciò che ci circonda. Non ci sono diktat, non ci sono indicazioni o soluzioni, ma il suo libro è una sorta di “Rivolta contro il mondo moderno”. E’ un viaggio negli ultimi 30 anni di storia italiana: di come la cultura sia diventata “coltura” e poi “cottura”: un esercito di colletti nemmeno bianchi la cui vita è incatenata nella produzione, quasi industriale, di curricula. Sottopagati, ma soprattutto sempre meno interessati alla “Verità”. Questo è il male di oggi e Bregola riesce a radiografarlo con rara maestria, con una scrittura raffinata ma, caso raro, accessibile a tutti.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96