Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Alberto Garlini - Una timida santita'
Andrea Bajani, Fernandel, 15.02.2003
Alberto Garlini ha trentatré anni, vive in Friuli Venezia Giulia e ha scritto uno dei romanzi più belli finiti in libreria nell'ultimo anno. Si intitola Una timida santità, ed è la cronistoria disarmante e tenerissima della morte di una donna e della successiva resurrezione nella mente del narratore. Lui si chiama Alberto, come l'autore del romanzo, e lei Tina. Lui è il nipote e lei la nonna che lentamente e quasi sbadatamente se ne sta andando all'altro mondo. Con una penna morbidissima, Garlini disegna i contorni di quella morte e del suo stesso satellitare con pazienza e triste attesa intorno alla figura della nonna, alle sue sbandate folli, al suo dolcissimo essere sempre accanto alle cose, sempre lontanamente parallela. Garlini, come solo i veri scrittori sanno fare, affronta la morte di petto, racconta il lutto e finisce per commuoversi, di fronte all'aldilà. Forse vorrebbe un riscatto, di fronte all'ultimo passo, ma quello che raccoglie è un bellissimo grumo di dolore e parole (“Andavamo al funerale della Tina, la mia nonna, lei che non vedeva niente e io che credevo di vedere tutto, ed eravamo la stessa cosa dolorosa”). Lo sguardo di Garlini è quello incantato dell'innamorato, o del padre, che assiste alla realtà come a una sommatoria sentimentale di miracoli. Così gli passa accanto l'ultima frangia di vita della nonna, e il suo immediato passato, con giorni fatti solo con sei lettere e altri in cui il sentimento ha gonfiato l'anzianità di palpiti giovanili (“Gli anziani si innamorano come i ragazzi nelle gite scolastiche, hanno gli stessi palpiti, sognano cose simili alla gioia: soprattutto quando sono quasi vergini, come mia zia a settantasei anni”).
La morte si porta via tutto, poi. Tranne gli oggetti, che rimangono nella casa e fare un presepio senza Gesù bambino, troppo presto o troppo tardi rispetto alla vita. Tra quei resti Alberto la fa rinascere, la nonna, respirandone ancora per un po’ gli stessi odori di casa. È il riscatto della vita, la parola che non getta mai la spugna, nemmeno di fronte al dolore.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96