Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
Galápagos
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Ma le mele di Chernobyl sono buone?
webpolaris, 16.05.2006
http://www.webpolaris.it/
A vent'anni dal più grande incidente nucleare della storia abbiamo chiesto a Giancarlo Sturloni - autore del libro Le mele di Chernobyl sono buone. Mezzo secolo di rischio tecnologico (Sironi Editore, 2006) - quali conseguenze questo incidente ha avuto sul rapporto fra il senso comune e la percezione dei rischi derivanti dalle applicazioni tecnologiche.

"Comunicazione, divulgazione e formazione - spiega Sturloni, docente al Master in comunicazione della scienza della SISSA, Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste - sono attività con finalità molto diverse fra loro. In particolare, mentre la formazione scolastica si occupa generalmente di trasmettere saperi consolidati, la comunicazione della scienza interviene in un più complesso dibattito sulle ricadute sociali della scienza e della tecnologia, spesso generate da ricerche di frontiera o applicazioni controverse, a cui oggi partecipa una pluralità di soggetti con obiettivi e interessi diversi".

Possiamo fare un esempio?
"La campagna pubblicitaria anti-ogm promossa da una nota catena di supermercati italiana, imperniata sull'immagine di un mostruoso ibrido tra un pesce e una fragola. Probabilmente ha avuto un impatto sull'immaginario pubblico delle biotecnologie superiore a qualunque intervento della comunità scientifica rivolto al pubblico in difesa degli alimenti transgenici".

La letteratura in che modo può contribuire?
"I messaggi sui rischi lanciati dai gruppi non esperti possono scorrere anche lungo canali non espliciti, ma altrettanto potenti, che, per esempio, fanno uso di linguaggi artistici, letterari o figurativi, con gli obiettivi più disparati. Si pensi per esempio ai romanzi dello scrittore americano Michael Crichton, da Jurassic Park a Preda, fino all'ultimo, assai discusso, State of fear, centrati rispettivamente sui rischi associati alla clonazione, alle nanotecnologie e ai cambiamenti climatici. Sono best-sellers venduti in milioni di copie e gli sceneggiatori hollywoodiani fanno a gara per assicurarsene i diritti cinematografici: si può facilmente immaginare quale possa essere il loro potenziale impatto sull'immaginario pubblico".
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96