Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Demasiadas piedras
Luca Tassinari, Letturalenta, 08.04.2006
http://letturalenta.net
Demasiadas piedras, troppe pietre. Questo è il refrain, il leitmotiv, il ritornello che mi tornerà sempre in mente ogni qual volta prenderò in mano il libro di Marino Magliani per leggerne qualche pagina. Sì, perché questo è uno di quei libri che non ci si può accontentare di leggere distrattamente una volta sola. Questo è un libro che reclama attenzione e riletture.

La fabula è presto detta: Gregorio, indagatore di nessi fra civiltà precolombiane e antiche popolazioni liguri, sta scontando una condanna a dieci anni di carcere per traffico internazionale di stupefacenti, ed è afflitto da una rara forma malarica contratta in Sudamerica durante una spedizione archeologica. La morte della madre gli offre quattro giorni di permesso e l’occasione di tentare la fuga in Messico, dove opera l’unico medico al mondo in grado di curare efficacemente la sua malattia. Ma questi quattro giorni gli serviranno soprattutto per far luce su alcuni punti oscuri del suo passato.

Detta così, me ne rendo conto, è la trama di un noir, o romanzo poliziesco che dir si voglia, ma costringere Quattro giorni per non morire nelle gore del genere significherebbe fargli un grave torto. In appena centocinquanta pagine questo libro racchiude una quantità talmente significativa di storie, di temi e di fili che è impossibile riassumerli in poche righe. Demasiadas piedras, appunto, o per dirla in dialetto dell’alta val Prino: Troppe pree da nui, troppa tera, fasce de prea, ca’ de prea, cimitei de prea, che sarebbe a dire Troppe pietre da noi, troppa terra, terrazze di pietra, case di pietra, cimiteri di pietra.

Uno dei molti fili è appunto il parallelo costante fra la Liguria e il Sudamerica, fra le troppe pree e le demasiadas piedras. Molti altri sono racchiusi in quella frase chiave del testo: terra, case, cimiteri.

Sono pietre d’inciampo, queste, pietre che ostacolano il cammino, che complicano la vita e la rendono in buona misura incomprensibile. Gregorio e il suo amico Leo fanno di tutto per rimuovere queste pietre dalle loro vite. La passione per le ricerche archeologiche, nata quasi per gioco dall’esplorazione di caverne preistoriche nell’entroterra ligure, offre loro una via di fuga. Volano in Sudamerica sull’onda di una teoria apparentemente ragionevole: se là si trovassero raffigurazioni simili a quelle preistoriche incise nelle caverne liguri, allora si potrebbe dimostrare che due civiltà apparentemente lontanissime erano in contatto o quanto meno avevano una matrice comune.

Il Sudamerica, però, si rivela terra pietrosa non meno della Liguria, terra ostile e capace di frenare gli slanci più sinceri spargendo pietre d’inciampo sul cammino: i trafficanti d’oro, di manufatti precolombiani e di cocaina hanno ben presto la meglio sul desiderio di conoscenza dei due compagni, trasformando la loro spedizione in tragedia con l’uccisione di Leo e l’arresto di Gregorio. La fuga non riesce: si conclude con la morte o con la prigione.

Terra, case, cimiteri. Le case di Fontanelle, il paesino d’origine dei due amici, sono case di pietra, ma son anche case dai muri arrugginiti, segnate dalla morte e dall’abbandono. E poi ci sono i cimiteri: quello in cui viente tumulata la madre di Gregorio, che contiene ormai buona parte dei vecchi abitanti del paese; quelli antichissimi degli Incas e delle civiltà preincaiche in Guatemala e in Perù, saccheggiati dai trafficanti di reperti archeologici.

La terra è vita dura e grama, passata a coltivare uliveti che rendono sempre meno, o a predare tombe. Le case sono il ricordo di radici ormai disseccate. I cimiteri sono il punto di raccolta di un naufragio che si ripete identico da secoli, in Liguria come in Sudamerica. Ma non ci sono solo tenebre, disincanto e disfacimento in questo libro. C’è anche il desiderio di combattere la morte, pur sapendo che è una battaglia persa: c’è il desiderio di Gregorio di guarire dalla malattia che lo sta uccidendo; c’è il desiderio di donne di un vecchio del paese; c’è il fratello di Gregorio che desidera mettere su famiglia; c’è una donna che vuole innamorarsi dopo una vita spesa a buttarsi via.

Ci sarebbe molto altro da dire su questo splendido libriccino, così breve e così denso, ma ci sono davvero troppe cose qui dentro per riuscire a renderne ragione in modo appena sufficiente: demasiadas piedras, troppe pree, troppe pietre. C’è un modo solo per venire a capo di questo libro: leggerlo.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96