Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Imitazioni della vita
Sandro Dell'Orco, Libri e riviste d'Italia, 01.05.2006
Dalla collana ‘Indicativo presente’ di Giulio Mozzi ancora qualcosa di nuovo e interessante. Perché questi dieci racconti dell’esordiente Luca Berta intrigano il lettore in modo sottilmente straniante, come se ciò che viene esposto in primo piano – pur ben costruito, coinvolgente e dotato di una propria autonomia e consequenzialità – non fosse l’essenziale, ma rimandasse oscuramente ad altro, a qualcosa che non è rappresentato in alcuna parte del testo, ma di cui si avverte continuamente la presenza.

Ora, a ben vedere, l’aura (o il ‘sentore’) di questo altro, deriva tutta dalla acribia mimetica dell’autore, che identificandosi totalmente con la sua funzione rappresentativa – escludendo cioè ogni espressione – svanisce letteralmente nell’oggetto rappresentato suscitando l’inquietudine del lettore in doppio senso: per la sua assurda scomparsa e per il raggelamento del narrato che ne consegue. In altri termini, l’altro, di cui il lettore avverte angosciosamente la mancanza, è la vita stessa dell’autore, pompata via dal testo e dalle sue rappresentazioni, e presente solo come fredda, automatica funzione logico – mimetica.

Così può accadere che i personaggi, pur perfettamente delineati sotto ogni punto di vista (fisico, psicologico, ambientale ecc.), e quindi vivi e plausibili, siano in realtà intimamente spenti, come se le esperienze che direttamente o indirettamente li attraversano (amore, amicizia, maternità, malattia, vecchiaia, infanzia) non suscitassero in loro reali emozioni, ma venissero accolte e registrate in stato di sostanziale indifferenza e catatonia. Sembrano tutti vittime di un remoto e rimosso disastro interiore che li abbia resi ottusi per sempre alla percezione stessa delle emozioni.

Che il narratore, nelle dichiarazioni estetiche alla fine del libro, non sembri consapevole di ciò, e interpreti come percezione di un metafisico e chimerico altro (che sarebbe il fine e l’essenza della letteratura!) quello che invece è l’effetto della sua posizione - raggelata e raggelante - in rapporto all’oggetto da rappresentare, non deve sorprendere, né toglie nulla al fascino della narrazione. Questa infatti, com’è giusto, non si risolve nelle intenzioni dell’autore – che tra l’altro non è tenuto a comprenderla – ma le travalica sviluppandosi secondo una logica autonoma.

Complessivamente un buon esordio, marcato da una coraggiosa e controcorrente ripresa della mimesi quale mezzo principale di rappresentazione letteraria.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96