Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Il libro dell'incertezza
Augusto Golin, Alto Adige, 27.01.2006
L’esordio di Giovanni Accardo, il siculo-bolzanino
Esce oggi in libreria Un anno di corsa il romanzo di esordio di Giovanni Accardo, pubblicato nella collana “Indicativo Presente” per l’editore Sironi di Milano. Giovanni Accardo è nato in Sicilia nel 1962, ma vive da anni a Bolzano, dove insegna italiano e storia al Liceo pedagogico “Pascoli”. Per alcuni anni è stato responsabile dell’Associazione culturale BZ1999. Insieme ad Antonella Cilento ha ideato, presso l’Università Popolare delle Alpi Dolomitiche di Bolzano (www.upad.it), la Scuola di scrittura creativa “Le Scimmie”, di cui è tutor ed uno dei docenti.
Un esordio dove, pur negando l’intento autobiografico, il protagonista segue le orme dell’autore, ambientato com’è, tra Padova, dove entrambi si sono laureati in lettere, e la Sicilia dove sono nati.
Ma la vita del protagonista, alla disperata ricerca di un lavoro qualsiasi, si presenta dura fin dalla sua laurea malgrado il suo 110 e lode. Una vita agra ai tempi del lavoro interinale, dei co.co.co e dei contratti a finto progetto, un mondo spesso ignorato nelle politiche sindacali e nei programmi dei partiti che la chiamano flessibilità.
Ma qui non siamo nella Milano del boom e della piena occupazione degli anni ’60, una città che ti dava il lavoro promesso e stabile ma nient’altro di più. Qui siamo in una Padova nebbiosa, rabbiosa e leghista, a metà degli anni ’90, dove il freddo e l’umidità ti penetrano nelle ossa e nell’anima, in una città che ti offre lavori esaltanti quali distribuire volantini, cameriere ai matrimoni, spennare polli o cercar di convincere gente disperata come te a comperare mobili in fabbrica e aspirapolveri.
Il fallimento rende il nostro uomo astioso, polemico e incazzato con il mondo al quale spesso minaccia di dare fuoco. Tutto questo non può che rivoltarsi contro il protagonista che diventa paranoico: teme che il soffitto della cucina, dove si è ridotto a dormire, si abbassi fino a soffocarlo; vede le sue mani diventare di plastica, in una mutazione nichettiana, staccarsi dalle braccia e andarsene per conto proprio. Un ipocondriaco che finisce inevitabilmente all’ospedale per un’ulcera perforante, la malattia professionale dell’emigrante, calabrese o maghrebino che sia.
Un anno di corsa è il rendiconto tragicomico di come il precariato, l’incertezza del futuro, l’impossibilità di lavorare con soddisfazione trasformino e abbruttiscano le persone nell’anima e nel corpo. Vagando tra le nebbie del nord-est, con brevi puntate tra Milano e Torino, dove parenti lontani dovrebbero aiutarlo nella sua disperata ricerca di un lavoro, il protagonista si ritrova a decidere per un mesto ritorno a casa, in una Sicilia che almeno lo riconosce come figlio di suo padre, anche se il suo destino è ormai quello di un continuo sradicamento e straniamento.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96