Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Leggi i commenti
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Acquista in formato ebook
Galßpagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Una partita per sempre
Rita Guidi, La Gazzetta di Parma, 18.11.2004
Quello che rotola sulla linea d'orizzonte della vita. Raggio verde che rimbalza a illuminare l'attimo: speranza, infanzia, presente assoluto. Quello che rotondamente sazia da ogni infelicitÓ, e dribbla sfrontato la morte del cuore, del corpo e del mondo. Un pallone? Un pallone da calcio? SÝ. Ma quello che sa essere molto di pi¨, come in questo toccante e denso romanzo di Alberto Garlini, " Futbol bailado " ( Sironi Editore, 478 pagg. 16,50 euro). Palla al centro, allora, a cominciare da un giorno, il 16 marzo 1975, che diventa l'ombelico di luoghi e vicende tra le quali abbandonarsi affascinati. PerchŔ quel giorno Ŕ il giorno di una strana partita, di un mitico incontro. Calciatori? No, grazie. Attori, registi, macchinisti, tecnici, si sfidano in quello stadio improvvisato che Ŕ la nostra Cittadella, per risolvere coi goal qualche parola di troppo volata tra Pier Paolo Pasolini e un Bernardo Bertolucci che vuole festeggiare anche cosÝ il suo compleanno. Occasione straordinaria e autentica (Pasolini girava vicino a Mantova " Sal˛ o le 120 giornate di Sodoma " - e aveva definito " Ultimo tango a Parigi " intrattenimento di massa - mentre Bertolucci era elle prese con il suo " Novecento " ) , Ŕ da lÝ che Garlini muove la sua telecamera di parole per accompagnarci con un ritmo acceso e discontinuo, con quel puzzle di emozioni che giÓ ci ha affascinato nel suo narrare passato ( " Una timida santitÓ " , sempre per Sironi), tra luoghi e vicende che ci porteranno a ritrovare anni e tormenti lontani da qua. E dopo Parma, che sembra essere necessariamente presente nelle pagine di questo giovane autore (del resto) parmigiano ma friulano d'adozione (nonchŔ curatore ad esempio, tra le tante iniziative culturali, di Pordenonelegge), l'occhio si fissa insistente, ad esempio, su Pasolini. Vita tormentata e tormentosa, sondata fino alle pieghe dei ricordi d'infanzia, o del fratello partigiano morto sotto i colpi partigiani, e segnata giÓ della propria fine, immaginata qui come (pi¨ che mai) voluta, cercata, desiderata. Anche per questo " Futbol bailado " Ŕ uscito il 4 novembre, per ricordare l'anniversario cupo di una morte che non ha spezzato solo un'esistenza, ma anche una poetica e un tempo: Pasolini soccombe al tradimento, alla realtÓ appiattita e omologata, al dominio dell'uomo sull'uomo. Pasolini soccombe alla morte violenta ma solo dopo un ultimo, salvifico istante di purezza. Calciando una palla con la stessa forza di ragazzo ( lui e il fratello Guido) o con la stessa voglia di bellezza e libertÓ ( lui e quella strana partita in Cittadella) che vide incarnata nel profilo magro di Francesco. Francesco Ferrari, filo rosso danzante, magico e assoluto protagonista di questo intreccio nostrano, che attraversa l'Italia di Pasolini ma anche quella di altri tradimenti: terrorismo, calcio scommesse Francesco Ŕ quello del futbol bailado. Quello che trova nella palla la danza della vita, il presente assoluto, il riscatto. Figlio di nessuno e della povertÓ, Ŕ lui che chiamano, sul tam- tam della sua fama di sedicenne, per (barare e) vincere quella famosa partita. E' lui che lascerÓ Parma per diventare goleador di una sola stagione in serie A. Lui che fuggirÓ verso la morte e l'amore, insieme agli occhi sognanti di un ragazzino, dalla ricchezza tradita di quel mondo, per vivere con lui quell'ultimo capriccio e accompagnarlo a Madrid, finalissima dei mondiali di Spagna dell' 82. Ma come sempre Ŕ la palla la sua autentica fuga. Quella che lo chiama e lo segue come fosse incantesimo. Quella che libera dagli orrori e i ricatti del mondo, e ti fa essere uomo e ragazzino. Quella che venite, giochiamo, esistiamo adesso, qui. Quella che Ŕ ( e sarÓ) futbol bailado.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietÓ dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galßpagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdý di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore Ŕ un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96