Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Leggi i commenti
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Infanzia dea, di Maria Luisa Bompani
Paola Dentone, Permesola, 21.03.2004
www.permesola.com
"Infanzia Dea" è un percorso di riappropriazione di se stessa: una donna adulta acconsente a percorrere nuovamente il passato, ad acquisire contatto con se stessa bambina, accogliendo un mondo lontano e trascurato, fatto di sogni e rabbie poi sedimentati nella rassegnazione.

"Nascono le voci" e affiora un universo, ripercorso con sguardo infantile, eppur adulto al contempo, e linguaggio decostruito, semplice ed immaginifico: l'uccisione del maiale, i gatti, i familiari, la scuola e le cose moderne, lavatrice, televisione..., che stupiscono come straordinari miracoli. Richiede coraggio pensare al passato ed ascoltare le voci perché significa confrontarsi con eventi che sono la matrice di orientamenti successivi; altre donne, dapprima solo aurorali fanno la loro comparsa nella memoria in un grande fermento: nonne, zie dee, ciascuna con la sua specializzazione (le stoffe colorate; le storie, che trasportano in dimensioni diverse, accompagnano e proteggono, rendendo principessa o fata; i giochi...) assieme a tutta una mitologia familiare, guidata dai genitori che incidono a fondo a fare di lei una creatura silenziosa, ubbidiente, addomesticata e incapace di affrontare la vita in autonomia. Così i desideri si spengono progressivamente e lasciano posto all'attesa e all'esecuzione degli ordini con compostezza da brava bambina, in un attrito, impercettibile all'esterno, tra vitalità spontanea e ammaestrata disciplina.

Rivedere l'infanzia conduce dunque a capire, a introiettare il dolore con consapevolezza matura e recuperare i sogni, la capacità di creare e giocare, ad acquisire un'identità propria che irrompe con la forza di quanto è vivo ed esiste davvero. Il colloquio col passato conduce al superamento del vuoto e la donna, finalmente tale, che emerge, celebra la sua dea bambina, reliquia preziosa, a cui deve la forza delle sue scelte.

Una voce sola alla fine parla senza tentennamenti: donna e bambina ormai recuperate nell'unione. La donna adulta ha incontrato la bambina triste che aveva dentro e nulla sarà più come prima.

Il linguaggio asseconda perfettamente il percorso di scoperta: è sognante nella frammentazione infantile, visuale (i bottoni sparsi "come tante conchiglie sulla spiaggia", fanno "rumore di mare pieno di scogli") e ricco del lessico religioso imposto dalla famiglia, ma ormai acquisito con autonoma determinazione.

L'inno che la donna nuova può comporre alla fine è solo dettato dall'entusiasmo dell'apertura alla vita; la fata bambina con tutti i suoi sogni e la sua energia creativa è ormai fortificata al suo interno: Bambina, “battezzami nella religione dell'incanto feroce, dell'incontro a sorpresa, della risata senza controllo, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà. Salve o regina bambina, madre di misericordia, vita, dolcezza, speranza, salve.”

E queste sono le tinte del futuro: "farò quaderni a fiori, lascerò che il mio corpo giochi al piacere, costruirò castelli di parole, nuove capanne piene di biscotti, ballerò, mi travestirò da zingara, farò in modo che i bambini vengano a me, perché di essi è il regno della terra."

Infanzia Dea, una preziosa lettura, è edita da Sironi, nella collana, dedicata alla narrativa italiana e curata da Giulio Mozzi, indicativo iresente.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96