Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Leggi i commenti
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
La messa dell’uomo disarmato
Giovanni Choukhadarian, Pickwick.it, 27.12.2003
www.pickwick.it
“In verità vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva gia al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna” (Mc. 10, 29b-30)
E’ probabile che don Luisito Bianchi debba restare homo unius libri e che il suo libro sia questa massiccia Messa dell’uomo disarmato (Sironi, pp. 860, euro 19,00). Fosse pure così, poco importerebbe. L’eventuale uomo di un solo libro ha scritto un libro importante, non facile e a tratti senz’altro sfuggente, però nuovo, giocato su un registro che è insieme solenne e terrestre, teso verso orizzonti metafisici e intanto aggrappato con tenacia alla quotidianità più consueta.
La storia, che è in realtà una fitta trama di molte storie, si svolge attorno alla cascina della Campanella cui Franco torna dal convento di benedettini presso il quale era novizio. E’ il 1940 e Piero, suo fratello, è spedito in Grecia come ufficiale medico. Franco è la voce narrante nel primo e nel terzo tempo del libro, che si affida invece a un narratore esterno per il secondo tempo, dedicato propriamente alla Resistenza e ai suoi eventi.
La distinzione in tempi fornisce un primo elemento di derivazione musicale, presente d’altronde in maniera esplicita nel titolo. Ben che sottotitolata come “un romanzo sulla Resistenza”, questa Messa è una lunga meditazione sui Novissimi, sulle cose ultime, svolta beninteso coi modi di una narrazione del tutto tradizionale. E’ un romanzo di addii, ma di quelli prefigurati in Mc. 10, 29b-30: “In verità vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva gia al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna”.
Sarà appena il caso di notare che le categorie tecniche e concettuali don Luisito sono quanto di più lontano dalla produzione narrativa corrente. Il primo tempo, intitolato al Gemito della Parola, conosce lentezze impensabili per un romanzo contemporaneo e si affida spesso al latino, d’altronde molto comprensibile, della Regula Sancti Benedicti. Chi superi queste prime 210 pagine di rigore inusitato, vedrà poi schiudersi un affresco di potenza non comune, folto di personaggi memorabili come non se ne ricordavano da molto nella narrativa italiana.
Di fronte a queste stesse 210 pagine iniziali, altri lettori abbandoneranno forse l’impresa, alla quale potrebbe tornare utile accostarsi con le celeberrime parole di Pascal, certo non ignote a don Luisito Bianchi: “Sono in un’ignoranza spaventosa di tutto”.
La messa dell’uomo disarmato è una maestosa sinfonia, composta in maniera eterodossa da tre larghi, o da un adagio e due larghi. Non è un libro per tutti, né pare nutrire l’intenzione di esserlo. Compensa tuttavia largamente il lettore che, se non altro incuriosito dalle sue dimensioni e dal suo passo maestoso, porti a termine il compito della lettura.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96