Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Le recensioni
La scheda
Leggi un estratto
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Leggi i commenti
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Il misterioso «Dopoguerra» del Partigiano di Barbujani
Stefano Lolli, Il Resto del Carlino, 12.06.2002
Il Resto del Carlino.it
«E' facile sbagliarsi in casi come questi. Era facile soprattutto in quegli anni. Avevamo tutti così tanti conti in sospeso. Ogni disgrazia, e naturalmente anche ogni fortuna, mettevano qualcosa in pari, ma allo stesso creavano nuove ingiustizie e nuovi rancori». Erano gli anni del Dopoguerra; un'epoca di conflitti irrisolti, rivalità e alleanze, descritta da Guido Barbujani nel romanzo appena uscito per l'editore Sironi. Un romanzo denso, che segna un'altra tappa significativa in una sorta di stagione d'oro per la narrativa ferrarese. Dopo il Vostiaco di Diego Marani (finalista al Campiello), e l'Erede di Roberto Pazzi (in selezione al Viareggio), con meno ambizioni sul versante dei riconoscimenti letterari ma senz'altro con identica forza e passione, ecco il Partigiano di Barbujani. «A casa, fin da piccolo, ho sentito parlare del dopoguerra e delle sue contraddizioni — racconta l'autore —; i personaggi sono usciti, così, dal clima familiare, dalle memorie del nonno sindaco di Adria, messo al muro a Villamarzana». Ordinario di Genetica all'Università di Ferrara, Barbujani qualche anno fa con il bel Dilettanti — incentrato sulla figura del celebre scienziato evoluzionista Charles Darwin — aveva vinto il premio Maria Bellonci; nel nuovo libro, che inaugura la collana dell'editore Sironi curata dallo scrittore Giulio Mozzi — che venerdì pomeriggio alle 18, assieme a Barbujani ed a Stefano Brugnolo, parteciperà alla presentazione alla Feltrinelli di via Garibaldi —, il ferrarese taglia il cordone ombelicale con gli argomenti 'scientifici' e si addentra in una sorta di noir padano. In cui l'eco dei traumi della guerra, e i sintomi del boom economico alle porte, contribuiscono a creare un clima, civile e personale, del tutto unico. Il protagonista, come detto, è l'ex capo partigiano Martino, divenuto piccolo industriale. Attorno alla sua scomparsa, ruotano le vicende degli altri protagonisti. Scritto in modo asciutto e consapevole (l'autore ha scelto ad esempio di non usare mai il passato remoto per ridurre la distanza dai fatti), Dopoguerra crea anche un dubbio 'politico'. Che Barbujani però risolve con un sorriso: «Non ho scritto questo libro per intervenire sulle vicende degli ultimi mesi, sulle polemiche sulla Liberazione: anzi, quando l'ho scritto, al governo c'era l'Ulivo!».
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96