Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
Galápagos
La scheda
Leggi gli articoli
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
“L’istruzione forma la mente”
Raffaella Grassi, Il Secolo XIX, 25.10.2003
Viaggio nel cervello John Skoyles ha presentato il suo libro “Il drago nello specchio”

Lo studioso è molto ottimista: il futuro dell’umanità migliorerà
Genova. La plasticità neurale. Questo il tema-chiave dell’incontro di ieri pomeriggio all’Histoire Café Garibaldi con protagonista John Skoyles, autore insieme a Dorion Sagan del saggio Il Drago nello specchio edito da Sironi, ricercatore al Centre for the Philosophi of Natural and Social Science della London School of Economics.
Perché l’uomo con un patrimonio genetico poco distante da quello di una scimmia e con un cervello anatomicamente simile a quello di un cacciatore-raccoglitore di centomila anni fa, è l’unica specie vivente in grado di leggere, guidare un’auto e costruire navicelle spaziali? Questo si chiede Skoyles e si risponde.
Al centro di tutto c’è una delle più grandi scoperte sul funzionamento della mente umana, la cosiddetta plasticità neurale.
Concetto a dire il vero che è risultato alquanto complicato per i non-scienziati presenti e che Skoyles ha spiegato partendo dai due diversi approcci scientifici sull’evoluzione della mente umana: “La destra evolutiva sostiene che i nostri geni spiegano quello che siamo e quello che siamo stati, la sinistra evolutiva al contrario ritiene che la spiegazione di tale evoluzione non sia solo genetica, ed è questo l’approccio che io ritengo corretto. L’evouzione dei processi cognitivi è dovuta soprattutto all’evoluzione della cultura, alla formazione di simboli, idee, alfabeti. È l’istruzione, la “cultura” che forma e costruisce la nostra mente”.
Al centro di questo approccio c’è la plasticità neurale, ovvero la flessibilità di neuroni ad adattarsi a funzioni non solo sulla base delle loro intrinseche proprietà ma anche in riferimento all’enviroment, all’ambiente. “La corteccia visiva è in grado di fare altre cose oltre a raccogliere gli input visivi, così come quella uditiva, al di là della loro funzione principale. Per esempio in caso di ictus altre parti cerebrali possono svolgere funzioni normalmente svolte dalle aree dannegiate”. E fa l’esempio dei bambini dislessici che usano la parte “sbagliata” del cervello, e di ricerche che hanno dimostrato come sia possibile insegnare loro a ricorrere a quella “giusta”. O di futuri possibili metodi di insegnamento di lettura “basati su tecniche molto più semplici di quelle attuali, simili a quelle usate nell’insegnamento dello sport e della musica”.
Secondo Skoyles gli uomini stanno entrando nella Brain Age, l’Era del Cervello, stanno passando dall’hi-tech al Brain-tech: “Sarà un paradiso o un inferno neurale? Io sono molto ottimista, penso che il futuro dell’umanità decisamente migliorerà”.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96