Sei un docente di ruolo?
Su alphatest.it puoi acquistare tutti i libri del catalogo Sironi Editore
con il bonus docenti 2017/2018.
 
Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Libri in arrivo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Niente paura, il romanzo italiano c'è
Roberto Carnero, L'Avvenire, 15.07.2003
Bella domanda quella che fa da sottotitolo al libro di Philippe Forest, «Il romanzo, il reale», pubblicato da Rizzoli nelle "Holden Maps", la collana della scuola di scrittura di Baricco: «Un romanzo è ancora possibile?».

Domanda solo apparentemente ingenua o retorica. Del resto di «morte del romanzo», da noi, parlano da tempo fior di critici.
Forest però è francese e si è formato sui testi della neoavanguardia legata al gruppo di "Tel Quel", in particolare sui romanzi dell'autore che di quel movimento è stato il maggiore esponente, Philippe Sollers.
Insomma, gente che, dagli anni Sessanta in poi, si è divertita a smontare il romanzo come un giocattolo, per mostrarne alla fine l'inservibilità. Perciò non stupisce, in uno come Forest, la dimensione problematica di una riflessione sul romanzo attuale: se al tempo delle neoavanguardie il romanzo sembrava prossimo alla scomparsa, oggi, per ragioni opposte, esso appare altrettanto in crisi, in quanto «parola obbligatoria, invadente, proliferante, quindi fastidiosa per la sua pretesa di assorbire ogni forma di linguaggio».

"Romanzo", cioè, è diventata una categoria onnicomprensiva, alla quale, per esempio, gli editori attribuiscono il potere quasi magico di far vendere un libro. Quante volte l'etichetta viene posta in modo fraudolento su volumi che tutto sono tranne che romanzi. Tuttavia, per limitarci alla narrativa vera e propria, rimane da chiedersi quale sia la via attraverso cui l'autore possa accostare veramente la realtà. Senz'altro non è possibile che ciò avvenga in libri che cercano di dare, attraverso l'esagerazione e il ricorso a toni esasperati, un'impressione - ma solo un'impressione - di iperrealtà. Neanche possiamo ipotizzare un ritorno a poetiche neorealistiche che facciano del "vero" e del "reale" un feticcio, magari annettendo a questo lavoro una valenza sociale o politica.

Evidentemente la narrativa non può limitarsi a enfatizzare o a fotografare la realtà, deve piuttosto reinventarla nel suo specifico, cioè attraverso il linguaggio.
Evidentemente si potrebbero fare diversi esempi di testi che vanno in tale direzione.

Mi limito a indicare, nel variegato e sovraffollato panorama della produzione narrativa italiana attuale, due collane.
La prima, presso Rizzoli, è "Sintonie", diretta da Benedetta Centovalli: è l'unica collana interamente di narrativa italiana pubblicata da un grosso editore.
La seconda, da una casa editrice pressoché neonata, Sironi, si chiama indicativo presente ed è diretta da Giulio Mozzi: è la novità più significativa dell'ultimo anno dal punto di vista editoriale, per quanto riguarda la narrativa italiana.

La strada che entrambi questi progetti sembrano perseguire è quella delle scritture di confine, cioè di scritture spurie, che contaminano tra loro i diversi generi. L'ambizione è quella di raccontare la realtà italiana di oggi, e per farlo i curatori e gli scrittori prescelti hanno capito che il romanzo va sottoposto ogni volta a un serio ripensamento.
Non sempre i risultati sono all'altezza dei programmi, ma in molti casi appaiono tutt'altro che trascurabili. Ecco, leggendo questi libri (faccio, alla rinfusa, i nomi di Bregola, Trevisan, Permunian, Caliceti, Gardini, Casadei) sembra di poter rispondere affermativamente alla domanda posta da Forest.
Sì, il romanzo è ancora possibile.
A patto però che si abbia la capacità di osare.
Tutti i diritti degli articoli della rassegna stampa di sironieditore.it di proprietà dei rispettivi autori/testate/siti.
Testo riprodotto unicamente a scopo informativo.

Acqua fresca?
di Silvio Garattini
Galápagos
"L'idea fondamentale. Intervista a Fabio Toscano" di Carlo Silini, Corriere Ticino
"Il cervello geniale che valeva per due" di Giulia Villoresi, Il Venerdì di Repubblica
"Come funzionava la testa di Leonardo" di Giovanni Caprara, Sette, Corriere della sera

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96