Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
La scheda
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Galápagos
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Davide
Aggiungi al carrello
 
«Il mio destino mi separava dai miei simili ogni giorno di più. Chi ero? Un pastorello con la sua cetra, i suoi ciottoli, i suoi sogni; un adolescente sul cui capo vengono un giorno versate alcune gocciole d’olio; un musico le cui canzoni placano le crisi di un re malato; un eroe nazionale, il genero e il rivale del re; un uomo solo errante nel deserto, e che si finge pazzo; il capo di una banda di fuorilegge; ora, il liberatore di un frammento di Giuda…: sì, ma chi ero?»
Sono convinto che in Davide figlio d’Isai, vissuto tremila anni fa in Terra Promessa, non manca nessuna delle frontiere dell’uomo universale ed eterno, e pertanto moderno, nostro contemporaneo.
Carlo Coccioli
 
Il re Davide, anziano e costretto a letto, presagisce la fine dei suoi giorni: accanto a lui, per riscaldare l’ormai debole corpo, giace una schiava; fuori dalla stanza si svolgono gli intrighi di corte per la successione al trono. Il re si rivolge a Dio e ripercorre, con Lui e davanti a Lui, tutta la sua lunga e avventurosa vita.
 
Con Lui e davanti a Lui: perché Davide è stato il primo uomo a non temere di stare al cospetto di Dio, a dargli del «tu». Ed è stato il primo uomo che osò amare Dio: di un amore appassionato, sensuale, inebriante; così come di un amore appassionato, sensuale, inebriante aveva amato il suo popolo, le sue donne, l’amico fraterno Gionata, il figlio ribelle Assalonne. Un amore che non gli aveva impedito – per eccesso di passione, di sensualità e di ebbrezza – di peccare e di essere punito. Senza smettere di amare.
 
Questo è, e non altro, il romanzo Davide di Carlo Coccioli: una grande storia d’amore e di peccato, di obbedienza e di desiderio, di vicinanza e lontananza dal Divino.
 
Ed è stupefacente come Coccioli, quasi incarnandosi in Davide, sia riuscito a offrire una appassionante “autobiografia” del più grande re d’Israele. In questo romanzo, la fedeltà al testo biblico e l’invenzione narrativa si intrecciano mirabilmente, producendo un racconto più vero del vero, degno di essere accostato – per ricchezza storica e profondità spirituale – alle Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar.

Codice ISBN: 978-88-518-0114-4
Pagine: 352
Prezzo di copertina: € 17,00
Prezzo scontato 10%: € 15,30


Carlo Coccioli è nato a Livorno nel 1920. Medaglia d’argento al valor militare per la sua partecipazione alla Resistenza, ha vissuto in Italia e in Francia e dal 1954 fino alla morte – avvenuta nel 2003 – a Città del Messico.
Scrittore poliglotta, autore di più di quaranta opere letterarie e saggistiche pubblicate in dodici lingue, Carlo Coccioli è un «grande assente» del canone letterario italiano: le sue opere sono da anni introvabili in libreria. L’editore Sironi è pertanto lieto di ripresentare ai lettori il romanzo Davide, pubblicato in Italia e in Francia nel 1976, premio selezione Campiello, tradotto in Spagna nel 1978 e in Polonia nel 1980.
Tra le altre opere di Carlo Coccioli: Il cielo e la terra (Vallecchi 1950), Fabrizio Lupo (Rusconi 1978; prima edizione francese, La Table Ronde 1952), L’erede di Montezuma (Vallecchi 1964; prima edizione francese, L’aigle Aztèque est tombé, Plon 1964), Documento 127 (Club degli Autori 1970), Requiem per un cane (Rusconi, 1977; prima edizione messicana, Fiorello, réquiem para un perro, Diana 1973), Piccolo Karma (Mondadori 1987).
www.carlococcioli.com
Aggiungi al carrello

Qualunque cosa succeda
di Umberto Ambrosoli
indicativo presente
L'11 luglio del 1979 Giorgio Ambrosoli veniva assassinato a Milano su mandato di Michele Sindona. Oggi il figlio Umberto lo ricorda cosě.
"Ambrosoli, l’eroe borghese che l’Italia non ha dimenticato" di Antonio Castaldo, Corriere della sera
"Galline o esseri umani non fa differenza: siamo stati tutti un uovo" di Gianna Milano, La Stampa – Tuttoscienze
"Ecco le grandi contraddizioni dell’omeopatia" di Umberto Veronesi, Oggi
I suoi riferimenti vanno da Manolito Quatrocchi a Mafalda, da Calvin e Hobbes fino a Charlie Brown. Ma Elvis Riboldi č, prima di tutto:
"Come Giannino" di Guido Affini, Andersen
"Io, Elvis Riboldi" di Coordinamento librerie per ragazzi, Librai, ragazzi e libri – dicembre 2015
"Unione Sovietica, venticinque indirizzi di un altro mondo" di Andrea D'Agostino, Avvenire
Altro che homo oeconomicus!
"Spese senza testa" di Silvia Bencivelli, Focus

Sironi Editore č un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96