Vuoi registrarti oppure effettuare il tuo login? Clicca qui
Home
Il catalogo completo
Le recensioni
indicativo presente
Questo e altri mondi
Galápagos
La scheda
Commenta il libro
Consiglia a un amico
Aggiungi al carrello
Fuori collana
Spore
I ferri del mestiere
La scienza in tasca
Semi di zucca
Elvis Riboldi
Cerca nel sito
Mailing list
Scrivici
Area utenti
Registrati
English 
Acquistare online
F.A.Q. tecniche
Condizioni generali
Foreign rights
Perché ci piace la musica
Orecchio, emozione, evoluzione
Aggiungi al carrello
 
«Ninnananne, melodie per rilassare, musica che crea un’atmosfera di paura o allegria, ma anche canzoni per far passare la tristezza e distrarsi in un momento di tensione: ciascuno di noi conosce questi meccanismi, anche se non ci ha mai pensato. Quindi, nell’attesa che la scienza sveli il mistero del piacere che proviamo per la musica, noi, musicisti o semplici ascoltatori, possiamo continuare a goderne quando ne abbiamo voglia, a usarla per mettere a letto un bambino, farci un bagno serale o goderci un film. Lo diceva anche Elvis Presley: “Io non so niente di musica. Nel mio campo puoi anche farne a meno”.»

È vero che Mozart rende più intelligenti? Perché nei ristoranti di lusso si ascolta musica classica? È possibile che alle mucche piaccia l’opera e agli squali Barry White? Cosa c’entra la chitarra di Jimi Hendrix con il suo sex appeal?

Secondo Darwin, per i nostri progenitori la musica era una tecnica di corteggiamento che avrebbe poi dato luogo alle parole. Per altri, il ruolo evolutivo della musica sarebbe pari a quello di una deliziosa torta alla panna: esattamente nullo. Quel che è certo è che, con gli effetti più diversi e controversi, la ascoltiamo proprio tutti.

Dai Neanderthal ai Metallica, da Pitagora alle neuroscienze, Perché ci piace la musica fa il punto sulla capacità dei suoni di emozionare e di curare, descrivendo le forme dell’evidente propensione umana per quest’arte: un oggetto di curiosità, di fascinazione e poi di indagine scientifica.

Perché ci piace la musica è stato tradotto in Francia, Spagna e Stati Uniti.


Codice ISBN: 978-88-518-0204-2
Pagine: 192
Prezzo di copertina: € 16,00
Prezzo scontato 10%: € 14,40


Silvia Bencivelli è giornalista scientifica. È co-conduttrice della trasmissione Nautilus (su RaiScuola) e di Radio3 Scienza (su Radio3). Collabora con la Repubblica, Le Scienze e diverse altre testate e case editrici. Ha pubblicato diversi libri di divulgazione scientifica, tra cui, con Giordano Zevi, Irrazionali e contenti. Viaggio alle origini delle nostre scelte economiche (Sironi, 2015).
Aggiungi al carrello

Qualunque cosa succeda
di Umberto Ambrosoli
indicativo presente
L'11 luglio del 1979 Giorgio Ambrosoli veniva assassinato a Milano su mandato di Michele Sindona. Oggi il figlio Umberto lo ricorda così.
"Ambrosoli, l’eroe borghese che l’Italia non ha dimenticato" di Antonio Castaldo, Corriere della sera
"Galline o esseri umani non fa differenza: siamo stati tutti un uovo" di Gianna Milano, La Stampa – Tuttoscienze
"Ecco le grandi contraddizioni dell’omeopatia" di Umberto Veronesi, Oggi
I suoi riferimenti vanno da Manolito Quatrocchi a Mafalda, da Calvin e Hobbes fino a Charlie Brown. Ma Elvis Riboldi è, prima di tutto:
"Come Giannino" di Guido Affini, Andersen
"Io, Elvis Riboldi" di Coordinamento librerie per ragazzi, Librai, ragazzi e libri – dicembre 2015
"Unione Sovietica, venticinque indirizzi di un altro mondo" di Andrea D'Agostino, Avvenire
Altro che homo oeconomicus!
"Spese senza testa" di Silvia Bencivelli, Focus

Sironi Editore è un marchio di Alpha Test srl
via Mercalli 14 - 20122 Milano
tel. 02 5845981 - fax 02 58.45.98.96